Parole di latte torte di pannolini Home Chi sono Come lavoro E-Shop     Contatti

25.5.09

L'apertura delle Fattorie Didattiche: una domenica nella natura

Domenica scorsa era in programma in Emilia Romagna l'apertura delle fattorie didattiche. Siccome ero di riposo dal lavoro- stranamente- ne ho approfittato per trascorrere una bella giornata nella natura con la mia famiglia e far conoscere ad Anastasia alcuni animali da cortile.


L'azienda agricola che abbiamo scelto di visitare è stata "La Casaccia" (az.lacasaccia@libero.it) della Sig.ra Maria Barbara Stagnani, situata a Meldola. Casaccia" nel 1700 era il nome del podere che apparteneva al principe "Giò Andrea Doria". L'azienda biologica è posta sulle prime colline a circa 200m s.l.m. con veduta panoramica a 180°.Nella corte si trovano fabbricati rurali antichi: il fienile e il granaio del 1700, un vecchio fabbricato rurale del 1800, abitazione del padrone e del contadino, ed un vecchio forno.L'azienda agricola di circa 9 ettari da alcuni anni produce coltivazioni biologiche: cereali, foraggio, seme biologico, ortaggi e uve tipiche: Sangiovese, Cagnina, Trebbiano, Pagadebit di Romagna DOC. Nel laghetto, contornato da siepi e piante autoctone, si trovano carpe, rane, anatre mute, germani e oche romagnole. Nei due boschi in allevamento è facile trovare lepri, fagiani, pernici e l'usignolo che allieta con il suo canto.



Sono rimasta affascinata dalla piccola oasi che la Sig.ra Barbara ha creato,un'oasi in cui l'inquinamento delle auto non arriva, un piccolo rifugio lontano dal caos, immerso nel verde, nella tranquillità. Un laghetto, una casetta di legno all'interno del quale Barbara e le sue ragazze tegono laboratori di cucina per la preparazionedi prodotti tipici romagnoli come la piadina e i crescioni, e tutt'attorno il profumo che le erbette aromatiche....menta, salvia, diversi tipi di timo, lavanda, basilico, rosmarino, nepitella, origano etc...sono coltivate con estrema cura.



Inoltre sono organizzati dopo l'accoglienza ai ragazzi e agli insegnanti, visite alle colture e lo sviluppo di un tema a scelta tra i seguenti percorsi:
-Il vigneto: potatura della vite, processo di crescita dell'uva, vendemmia, pigiatura dell'uva, vinificazione, ecc. (elementari, medie,
superiori)
-Il Baco da seta: tradizione e storia dell'allevamento del baco,
tipico del territorio di Meldola (elementari, medie, superiori)
-Il bosco: esplorazione, studio del bosco con siepi e piante autoctone; riconoscimento di
alberi e foglie attraverso giochi e cartelloni. (elementari, medie, superiori)
-Gli ortaggi di stagione: concimazione, semina, raccolta e assaggio. L'azienda mette a disposizione dei ragazzi anche un appezzamento di
terreno in cui svolgere attività pratica. (per tutti)
-Gli abitanti del lago: osservazione, cure e nutrizione (materne, elementari).



Io, mio marito e Anastasia abbiamo avuto il piacere di conoscere questa straordinaria signora che aveva preparato una degustazione di crostini con le salse e le cremine.Meravigliosa la salsa di fagioli e melanzane.I crescioncini con le erba fresche di campo, la piadina con l'affettato, la ciambella, il vino sangiovese e il sauvignon preparati senza l'utilizzo di solfiti aggiunti.

Poi abbiamo osservato- dato che Anastasia è ancora troppo piccolina per disegnare- una bella attività che hanno svolto insieme ai bimbi presenti: "DISEGNARE E COLORARE CON I FIORI DI CAMPO". Praticamente s'invita il bambino a fare un disegno con la matita e dopo aver raccolto i fiori, le erbe di campo si colorano gli spazi utilizzando petali e foglie come colori (il papavero per il rosso, la calendula per l'arancio, le varie tonalità di verde fatte con le foglie etcc), è stato bellissimo osservare i bambini intenti nella raccolta delle erbe col cestino insieme all'educatrice e poi mettersi al lavoro...

Ed infine prima di andare a casa ho fatto vedere ad Anastasia- che devo dire ha apprezzato moltissimo- le caprette, le galline-i tacchini e le tartarughe(una grande con il piccolino, che tenerezza).

Questo è il manifesto della campagna promossa dalla

16.5.09

Ritorno alla routine e...lumachine.....di gommapiuma per dipingere

Ciao a tutte è un po' che mancavo, sono tornata a lavorare dopo un anno e mezzo e il tempo ora è veramente poco. La mia piccina ha 11 mesi..ed è curiosa e vivace, non sta ferma un minuto e chiede veramente tanta attenzione- per carità, guai se non fosse così sono molto felice che sia una meravigliosa fragolotta vivace e sorridente- ma il tempo è veramente poco, lavoro ore al giorno, e anche se la mattina sono a casa riesco a giocare molto meno rispetto a prima con Anastasia, il che mi fa sentire estremamente in colpa, ma le cose da fare in casa sono tante, un minimo di pulizia, la cena per il maritino, le pappe etc...E poi c'è il nido privato di cui sono felicissima perchè ha fatto diventare la fragolotta una bimba molto socievole da chiusa, timida e mammona che era..ma i sensi di colpa sono tanti..


Al nido fanno mille attività che io invece purtroppo riesco a fare raramente ed ho notato che spesso dipingono con le manine e le tempere (e anche con la manica di qualche maglietta-ahimè)..a casa riprovare è un po' impegnativo soprattutto se si ha poco tempo per ripulire...Allora ho pensato ad un metodo per far dipingere la mia bimba e anche il suo babbone che al contrario di prima...è diventato molto più presente in termini di tempo... Ho arrotolato delle strisce di gommapiuma e le ho fissate a mò di lumachina...Poi ho bagnato la chiocciolina nella tempera e le ho usate per far stampare ad Anastasia su un immenso foglio di carta bianca, prima ovviamente con l'aiuto nostro...poi piano piano faceva da sola..pasticciando e divertendosi..




Ho pensato che questo lavoro può essero uno spunto anche per i bimbi più grandi che invece possono utilizzare la "chiocciola" per creare vere e proprie composizioni seguendo la loro fantasia... Sulla chiocciola di gommapiuma potete fissare questa lumachina stampata, colorata e ritagliata, così sarò ancora più carino...dipingere con una...lumachina.