Parole di latte torte di pannolini Home Chi sono Come lavoro E-Shop     Contatti

30.11.10

Calendario dell'Avvento: idee e tutorials dal web


Il libro-gioco dell'Avvento di Anastasia


La storia del calendario d'Avvento è piuttosto recente. I primi calendari possono essere datati al 19 secolo e le prime forme sono da ricondursi al mondo protestante. Nelle famiglie venivano appesi inizialmente 24 disegni, oppure venivano fatti sulla porta o su una parete della casa 24 piccoli segni con il gesso in modo che i bambini potessero ogni giorno cancellarne uno. Oppure venivano messi nel presepe 24 fili di paglia, uno per ogni sera fino alla Notte Santa. Altre forme rudimentali di calendario erano gli orologi del Natale oppure una candela d'Avvento, con su disegnate delle piccole tacche, che venivano lasciate bruciare una per sera.
Il primo calendario dell'Avvento interamente fatto in casa di cui si conserva traccia lo possiamo datare al 1851. Nel 1902 , ad Hamburg, la libreria evangelica pubblica il primo calendario stampato, che rapppresenta un orologio natalizio per bambini.
Ecco alcune idee e tutorial che mi hanno particolarmente colpito



http://www.onehourcraft.com/?p=1094
http://www.myfamilylovesit.com/blog/index.php/2009/12/04/gingerbread-advent-calendar/


http://uni-vert-de-fan-de-yan.over-blog.com/article-en-route-vers-noel-39376838.html
http://mayamade.blogspot.com/2009/11/count-down-calender-2009.html
http://scrignoscrap.blogspot.com/2008/12/calendario-dellavvento.html
http://craftastica.blogspot.com/2008/11/recycle-bin-advent-calendar.html

http://www.ikatbag.com/2009/11/paper-christmas-tree-advent-calendar.html


 Noi ne prepareremo uno insieme oggi pomeriggio (se tutto va bene...perchè coi bimbi piccoli non si sa mai) quando Anastasia si sveglierà dal suo riposino pomeridiano. Buona preparazione a tutte per chi ancora deve fare il suo calendario dell' Avvento!!

Quinta e ultima prova della Selezione Speciale SCC


L'ultima prova per questa grande avventura prevedeva come inspirazione la canzone "Almeno tu nell'universo" di Mia Martini. Canzone da lasciar senza fiato....e siccome la mia famiglia è il mio diamante in mezzo al cuore ho dedicato a loro questo LO per dire che sono il mio Amore più grande.

28.11.10

Alberini di Natale riciclosi


Questi sono tre alberelli di Natale che ho preparato per le decorazioni di quest'anno.
Sono tutti e tre fatti con materiali poveri o comunque di riciclo.
1.Alberello di natale in pannolenci cucito col punto a festone e imbotiito di ovatta, decorato con bottoncini colorati.
2. Alberello in stelline di varie forme di pasta di mais (la ricetta l'ho trovata qui) decorato con perline, stelline, glitter e dipinto con tempera o acrilico.
3. Alberello costruito su un cono di cartoncino fatto da me su cui ho incollato con la colla a caldo pasta di un solo tipo e verniciato con bomboletta spray dorata e terminato con applicazioni dorate e glitterate.

27.11.10

Sfida settimanale Guest Designer Scrapbookiando

Per l'ultima sfida settimanale di Scrapbookiando ecco gli indizi:

1)Il tema è l'Autunno;

2) La palette di colori arancio, azzurrino-verde, giallo ocra
3) Ci deve essere almeno un abbellimento, o comunque qualcosa in FELTRO;


4) Il journaling deve essere scritto dividendolo con delle TAGS come si vede nei lavori a pag. 25, 27 e 29 di "Elle's Studio".


Per questo LO io ho usato la foto della caricatura di mio fratello con mia cognata che si sono fatti durante un weekend autunnale romantico a Parigi.Questa è la foto di mio fratello con la mia piccolina, Ginevra...

25.11.10

Siete pronti a scegliere i vostri regali di Natale? Fate la vostra lista dei desideri!


Chi l’ha detto che al Natale siamo tutti vaccinati? Lasciamoci prendere dall’emozione e, scegliendo tra i 23 regali della Lista dei Desideri di Save the Children, si può proteggere per davvero il futuro di milioni di bambini
Quando le buone notizie si ripetono fanno la differenza, come il successo della Lista dei Desideri di Save the Children, la più importante organizzazione internazionale indipendente per la tutela e la promozione dei diritti dei bambini di tutto il mondo. 
E’ un’idea semplice quella della Lista dei Desideri, un regalo virtuale e solidale che trasforma ormai da tre anni il Natale di migliaia di italiani nell’occasione di sostenere con generosità gli interventi di Save the Children, come offrire i servizi igienico-sanitari e la nutrizione a 1.500 bambini e l’acqua potabile ad altrettanti in Etiopia, o garantire antibiotici, vaccini, zanzariere, sali per la reidratazione e la vitamina A ai bambini in Mozambico dove ne muoiono ogni anno 150.000 sotto i cinque anni di vita.
La Lista dei Desideri è un modo per fare e ricevere regali originali per davvero, virtuali ma più concreti che mai. Per farlo è sufficiente andare sul sito www.savethechildren.it/regali, scegliere uno tra i 23 regali messi a disposizione ed effettuare on-line la donazione corrispondente. La persona cui si dedica il regalo sarà gratificata ricevendo una cartolina (cartacea o elettronica) quale simbolo di un gesto che migliora la vita di un bambino nel mondo. Concretamente si farà una donazione a beneficio dei bambini delle aree in cui Save the Children lavora.
Nella Lista dei Desideri ci sono regali per tutte le tasche, da 10 a oltre 1.000 euro, ma uno lo abbiamo dovuto dividere in quote perché è un regalo di peso: lo yak, il bue tibetano che Giobbe Covatta ha contribuito a rendere famoso e che anche quest’anno sarà con lui il simbolo dell’iniziativa, inseparabili!
Oltre al periodo di Natale è sempre possibile creare la propria lista dei desideri segnalandola agli amici in occasione delle più diverse ricorrenze, evitando in partenza il rischio di regali inutili sia per chi li deve offrire che per chi li riceverà. Un’opportunità che vale anche per bomboniere e liste nozze. Per tutte le aziende invece l’invito è quello ad abbandonare il solito panettone o la consueta agenda (che tanti altri penseranno a regalare) per donare virtualmente ai propri clienti, ai collaboratori o ai fornitori medicine, scorte di cibo o banchi da scuola per assicurare un futuro migliore a tanti bambini nei paesi in via di sviluppo. 
Qui di seguito vi elenco http://www.savethechildren.it/regalila lista regali per la Lista dei Desideri 2010:
Plumpy’Nut® - 10
Il Plumpy’nut®, una speciale barretta al burro di arachidi a contenuto altamente proteico ed energetico, è l’ideale per bambini gravemente malnutriti
Cesto di cibo – 14
Un cesto di cibo è sufficiente a sfamare un’intera famiglia per un mese.

Vaccino – 15
Oltre 500 bambini al giorno perdono la vita a causa del morbillo. Bastano 15 €per acquistare 100 vaccini per altrettanti bambini.
Copertina – 19
La polmonite è la principale causa di mortalità al mondo. Sono sufficienti 19 €per garantire 3 copertine ad altrettanti bambini nelle aree più povere del mondo.
40 polli – 36
Se una mamma ha a disposizione un piccolo allevamento di polli può provvedere autonomamente all’alimentazione dei suoi figli, ma anche venderne alcuni, o le loro uova, per guadagnare qualcosa.
6 Caprette – 79
Possedere delle capre è davvero molto importante. Col crescere del gregge una mamma ha la possibilità di arricchire con il latte la dieta dei propri figli, di procurarsi carne da mangiare o, con la loro vendita, reddito necessario per vivere.
Femmina di Yak – 143
In Tibet possedere uno yak significa assicurarsi latte nutriente, lana per vestirsi ma anche un indispensabile aiuto nell’aratura dei campi. Un regalo in cima alla lista dei desideri di qualunque famiglia tibetana.
Kit medico – 29
Bastano 29 €per acquistare una cassetta medica e fornire ai nostri operatori un kit base per il pronto soccorso e prestare un’adeguata assistenza sanitaria ai bambini ammalati e alle loro mamme.
Kit assistenza parto – 39
La presenza del personale medico specializzato di Save the Children è determinante per garantire un’adeguata assistenza sanitaria a tante mamme e ai loro piccoli.
Zanzariera – 26
Con 26 €si possono assicurare 5 zanzariere pretrattate con insetticida ad altrettante famiglie.
Set di colori – 30
Con 30 €possiamo fornire loro due set di colori e facilitare l'inserimento a scuola.
Un tetto di …mattoni, diritti, scuola e gioco – 180
Attraverso il progetto "Civico Zero", Save the Children ha l'obiettivo di informare, orientare e supportare i bambini e gli adolescenti al reinserimento sociale. Per garantire a due minori stranieri un’accoglienza in strutture di sostegno come le case-famiglia sono necessari 180 €.
Baby kit – 33
Il kit contiene l'essenziale per le cure basilari di un bimbo come una scodella, pannolini, asciugamani, una copertina e del sapone.
Kit primo soccorso per clinica – 92
Un kit di 1° soccorso garantirà tutta l'attrezzatura di base necessaria ad un centro medico: come garze, bende, cerotti e soluzioni disinfettanti, oltre a guanti, forbici, un termometro e una coperta termica.
Quota femmina Yak – 36
In Tibet possedere uno yak significa assicurarsi latte nutriente, lana per vestirsi ma anche un indispensabile aiuto nell’aratura dei campi. Un regalo in cima alla lista dei desideri di qualunque famiglia tibetana.
Filtri per l’acqua – 57
I filtri depuratori dell’acqua aiutano a mantenere i bambini e le loro famiglie in salute specialmente in occasione di disastri o calamità naturali.
Bicicletta – 43
Con 43 €possiamo regalare una bicicletta a un bambino, in modo che possa percorrere il tragitto in tempi brevi.
Aula di una scuola per un villaggio - 1.148
Se anche le comunità più isolate vengono dotate di strutture scolastiche, tanti bambini potranno ricevere un’adeguata istruzione e avere tempo per le altre attività.
Un posto a scuola – 24
Se anche le comunità più isolate vengono dotate di strutture scolastiche, tanti bambini potranno ricevere un’adeguata istruzione e avere tempo per le altre attività.
6 Alberi da frutto – 20
Sei piccoli alberi da frutto rappresentano la soluzione ideale per sostenere famiglie e scuole intere, aiutandole nell'auto-sostentamento. Crescendo produrranno frutta (ad esempio noci o tè) che potrà essere venduta nei mercati locali, generando guadagno. Con questi soldi le scuole potranno acquistare materiale didattico e incrementare le proprie risorse per garantire ai propri studenti nuove opportunità di crescita.
Giocattoli – 12
I giocattoli saranno destinati a bimbi con disabilità, a quelli che vivono con familiari che soffrono di malattie croniche e ai centri per l’infanzia.
Maialino – 36
Allevare suini significa poi venderli per ricavare reddito aggiuntivo, oppure utilizzarli come scorte alimentari in tempi difficili. Una importante risorsa per una famiglia che fatica a sopravvivere.
Pallone da calcio – 15
Un pallone da calcio permette ai piccoli di un intero villaggio di divertirsi e di esprimere se stessi attraverso lo sport

Quarta prova Selezione Speciale SCC





Ed eccoci arrivata alla quarta prova, la canzone stavolta era bellissima e facile come ispirazione."Stai con me" di Raf...io ho scelto una foto di quattro anni fa di mio marito quando eravamo fidanzati....la frase che ho scelto è perchè viaggiavamo molto e questa è un'immagine scattata durante una della nostre "fughe d'amore"..ora le bimbe, il tempo non ci permettono più di viaggiare come prima...ma nei nostri cuori il brivido e la fiamma per quei momenti non si è spenta e e non si spegnerà.

25 novembre: un albero per dire GRAZIE




Oggi è la Festa del Ringraziamento in America, in Italia non si festeggia nulla...ma io ho molto per cui dire GRAZIE.
Grazie perchè mi sono realizzata nella mia vocazione di essere Mamma e le mie due bimbe sono splendide e sane, GRAZIE perchè ho un marito che mi ama, mi aiuta mi sta vicino sempre e mette al primo posto dei suoi valori la sua famiglia, GRAZIE alla mia mamma che è sempre presente lasciandoci la libertà di scegliere e decidere senza essere invadente...potrei continuare per ore....e GRAZIE a voi che collegandovi al mio blog e leggendomi credete in me..grazie perchè questo piccolo blog è venuto dal niente e sta diventando per me un progetto importante in cui credere veramente, GRAZIE A TUTTE VOI AMICHE MIE!

Io e Anastasia abbiamo realizzato questo Thanksgiving Tree con un grande pannello di cartone da riciclo e tante foglioline di carta crespa dai colori autunnali. Ci siamo divertite tantissimo e anche Ginevra a guardarci mentre lo realizzavamo!!

23.11.10

Attività, lavoretti, links per la Festa del Ringraziamento

Il 25 novembre in Italia non si festeggia, ma può essere una buona occasione per fare conoscere ai nostri bambini più grandi le tradizioni del mondo e per i più piccini un'occasione per passare un pomeriggio a "pasticciare"insieme. Ecco qualche idea che ho raccolto dal web:
 




Kit per la decorazione di Paper Glitter


Tacchino con ali create con le mani stampate e ritagliate di Just for Fun


Un cappello di carta a forma di tacchino di MyKidsMake

Uno striscione di carta stampabile di At Second Street
  


E voi cosa farete per "festeggiare" il 25 novembre?

22.11.10

Terza prova Selezione Speciale 2010 Scc

Per la terza prova di Scc, ecco un'altra canzone....che non ho sentito molto mia, a parte questa strofa ricorrente "Straight my arms"cioè...sistemata tra le mie braccia, messa tra le mie braccia...e questa è una gita con Anastasia da più piccolina in fattoria.Il lo è un po' più piccolo del 30 x 30 ed è fatto su carta da pacco come sfondo. 

18.11.10

Un gioco al giorno

Muffins...di cera

Anastasia ha un treno di colori, tra cui anche i pastelli a cera. Molti di questi si sono ormai consumati, o sono spezzati o senza punta. Ho pensato di riciclarli creando dei pasticcini... con gli stampi in silicone per i muffins. Basta togliere le etichette, mettere le stesse tonalità di ogni colore in ogni stampino precedentemente foderato di carta da forno,riempiendoli per un terzo. Ho messo in forno a 110 C fino a quando ho visto i colori sciogliersi. Ora basta aspettare che si sia raffreddato il tutto e i colori....anzi i past...iccini sono pronti per creare di nuovo!!!

17.11.10

Kit free digitale da scaricare





Cliccate sull'mmagine per scaricare questo tenerissimo scrapbooking digital kit free.

Home mise


Home mise

Ecco qua il set che ho creato su polyvore per partecipare al contest su trashic.com!! Mi sono divertita tanto a crearlo... mentre Ginevra dorme teneramente.....


Un gioco al giorno

Amici...d'impronta



Se volete pasticciare un po' coi vostri piccoli ecco un'attività da fare con tempere e...manine.
Prendete un po' di colore a tempera e impiastricciate di ogni tinta diversa solo i polpastrelli dei bimbi. Poi divertitevi a creare animaletti e fiori...Se il bambino è più grande potrà fare da solo e dare libero alla fantasia, se invece è piccino aiutatelo voi, ma fatevi guidare da lui. Come ho fatto io con mia figlia...potete creare veri e propri disegni, ambienti, da appendere alle pareti della cameretta, da mettere nel libro dei ricordi o per fare bigliettini d'auguri.

16.11.10

Un gioco al giorno

Il libro dei ricordi





Ad Anastasia piacciono tanto i libri. Le piace tenerli, conservarli, sceglierli, toglierli dalla libreria, ammucchiarli. Guardarli, "leggerli", e ahimè scriverli. Le piace scrivere e disegnare sui libri già scritti, una vera passione per lei...e tortura per me.

Allora perchè non costruire un libro personale al nostro bimbo? Un libro che lui stesso possa man mano che cresca compilare con i suoi disegni, i suoi lavoretti, i collage....e via via che impara a scrivere i suoi pensierini e poi quello che gli va. Fotografate il vostro bimbo quando gioca, quando disegna, quando vi aiuta nelle faccende domestiche, quando è in giardino a passeggiare, esplorare. Incollate il frutto delle vostre esplorazioni: foglie, rametti, conchiglie...e traetene spunto per raccontare le vostre storie. Sarà un libro tutto vostro, il preferito del vostro bimbo ora ....e quando sarà grande.

Per costruire la copertina la bravissima Claudia della Casa nella Prateria ha prodotto un video tutorial, lo potete trovare qui, sul sito dei Piccolini Barilla.


  Qui potete trovare un libro dei ricordi speciale.





Seconda prova della Selezione Speciale Scc 2010

 Questo è il LO per la seconda prova della Selezione di Scc, dedicato ad un viaggio a Capo Verde; la canzone non  la conoscevo, "Toes" della Zac Browne Band, ma mi è piaciuta molto.
Penso che la mia pagina sia in sintonia con le immagini dei paesaggi e l'allegria generale del video.


15.11.10

Un gioco al giorno

I burattini....di famiglia


Questo è un gioco pensato per la mia piccola Ginevra che ha appena compiuto 3 mesi.
Lei inizia a seguire con lo sguardo gli oggetti che si muovono, a girarsi dalla parte del suono e a capire le intonazioni della mia voce.
Per questi motivi, anche se di giocattoli ne ha tanti perchè Anastasia glieli ha passati, ho pensato di creare da un calzino un burattino da animare. Un calzino di quelli bianchi di spugna o anche un guanto da bagno che non usate piu'. Ho stampato su uno di quei fogli speciali per trasferire le immagini nei tessuti una mia foto con il viso grande ben in evidenza in primo piano e poi
 l'ho trasferito su un piccolo pezzo di cotone di federa bianca che non uso più col ferro da stiro come da istruzioni.Ho ritagliato poi l'ovale della foto dal tessuto e l'ho applicato cucendolo sul calzino, ma potete anche incollarlo. Con lo stesso procedimento potete creare altre marionette. Il babbo, nonni, zii ecc. e creare vere e proprie storie anche con l'aiuto dei bimbi più grandi.


12.11.10

Un gioco al giorno

L'albero spoglio



Oggi vi propongo un'attività tipicamente autunnale. Date al vostro bimbo la sagoma di un albero spoglio, senza foglie. E preparate insieme un po' di materiale: foglie secche, pezzettini di cortecce, tappini di sughero, piccole patate o mele tagliate a metà, ritagli di spugna e tempera gialla, verde e rossa.
A questo punto divertitevi col vostro bimbo a decorare l'albero spoglio incollando a piacere foglie secche tra i rami, e corteccia nel tronco. Con gli stampini (tappi, mela, patate, spugne e che più ne ha e più ne metta) potete completare il quadretto "timbrando"sul foglio per creare le foglie o i frutti.

La sagoma dell'albero è molto semplice da disegnare, io l'ho preparata a mano, ma potete anche stamparla, ritagliarla e incollarla su un cartoncino più grande dove ci sia spazio per lavorare. (cliccate sull'immagine sopra)
Questo è un lavoretto che stimola la creatività del bimbo, lo lascia libero di scegliere tra i materiali dati e lo rilassa mentre timbra sul foglio, almeno vedo che per la mia bimba è così quando usa le tempere. Un po' meno per la mamma che deve ripulire tutto, ma con qualche accorgimento...una cerata sotto il tavolo un grembiuline da lavoro per entrambe e una bella lavata dopo....si risolve praticamente il problema.
Buon divertimento!!

11.11.10

Un gioco al giorno

LA TOMBOLA DEI SAPORI

Da oggi vorrei pubblicare tutti i giorni un post con un consiglio per fare un gioco o un'attività con i vostri bimbi. A me succede che se non penso prima a cosa fare con Anastasia il pomeriggio quando torna dal nido e non preparo il gioco prima finisce che non riesco a coinvolgerla.
Così ho pensato di progettare insieme a voi qualcosa da fare con i nostri bimbi tutti i giorni.
Oggi ho pensato a questa tombola dei sapori.

Possiamo costruire delle cartelle che contengano immagini diverse di cibi (qui trovate un esempio da stampare)che abbiamo in casa e po preparare in un angolo prima delle ciotoline con assaggi dei cibi inseriti nella cartella data al vostro bimbo.
Il bimbo dovrà essere bendato e dovrà assaggiare il cibo e poi abbinarlo correttamente all'immagine raffigurata sulle cartelle in questione.

Qui sotto un esempio della cartella che ho creato io per Anastasia. Ma potete fare anche un collage con ritagli di giornali di cucina. E poi questo gioco si presta per inventare tante altre attività come un riconoscimento delle figure per i più piccini o un memory per esempio o una tombola degli odori, perchè no?

Seconda prova Guest Designer Scrapbbokiando


Questo è il LO con cui partecipo alla sfida settimanale di Scrapbookiando, per questa sfida occorre creare una decorazione handmade da mettere nella propria pagina. Io ne ho fatti due: il gufetto in pannolenci  cucito a mano e il fiore in carta e pannolenci

10.11.10

Come fare un Tavolo della Natura: un'attività steineriana



Non conosco personalmente la Scuola Waldorf  in quanto non ho la fortuna nè di lavorarci nè di mandarci le mie figlie, ma leggendo alcuni articoli e alcuni testi mi sono fatta l'idea che essa sia  in grado di formare ed educare il bimbo ad essere veramente un uomo libero poiché  i bambini vengono educati in un ambiente che tiene conto di loro, della loro individualità, della loro natura.
Cerco quindi di avvicinarmi a questa scuola se non fisicamente almeno come filosofia di vita, semplicemente perchè mi fa stare meglio con me stessa e con la mia famiglia.
Le stagioni e i ritmi della natura sono molto importanti in quanto i bimbi seguono per loro natura dei ritmi, delle abitudini che gli donano sicurezza; la cosa più importante da ricordare quando il bambino è a questa età è il ritmo. I bambini si sentono più sicuri e felici quando sanno cosa aspettarsi, questo è il motivo per cui è importante, se possibile, di attenersi a pasti regolari e alo stesso orario per la nanna.  Questi ritmi sono in qualche modo sono scanditi dalle ore, dai giorni, dai mesi e dalle stagioni. E qui veniamo alla bellezza e all'importanza della Natura per questa Scuola che accompagna il corso naturale dell'anno, festeggia le feste cristiane, fa giocare i propri bimbi all'aperto col sole, la neve e le nuvole proprio per trasformare l'ambiente naturale in un vero e proprio laboratorio all'aperto.L'angolo delle stagioni ci aiuta proprio a capire ciò che la natura ci regala e ciò che le feste vogliono dirci.
Il bambino piccolo sperimenta attraverso le ricche sensazioni che si ripetono ogni anno, crescendo sempre nuove relazioni si aprono dentro di lui.
Ma come si crea l'angolo delle stagioni?
Basta un tavolo ( potrà essere anche una mensola o un angolino o una libreria con uno spazio vuoto come abbiamo fatto noi), sul quale metteremo una stoffa, un telo, un tessuto o una carta quello che più vi ispira la fantasia (colori più freddi per l'inverno, colori più delicati nella primavera e ricchi di calore nel periodo estivo-autunnale), infine sui teli poseremo qualche oggetto o qualche elemento della natura adeguato alla stagione.


Noi per il nostro tavolo dell'Autunno abbiamo scelto una stoffa gialla per simboleggiare i colori delle foglie che cadono e gli oggetti che abbiamo raccolto insieme io e Anastasia sono foglie, sassi, pigne e pinoli,ma andrà benissimo tutto ciò che al vostro bimbo ispira l'Autunno, piccole zucche, rametti secchi, pezzi di corteccia etc ma anche disegni o collage in tema.

Non servono, perciò, molti materiali, ma il bimbo imparera' ad avere cura del piccolo spazio e osserverà la natura scegliendo gli elementi da porre in quest'angolo.

9.11.10

LA VINCITRICE E' del Giveaway 15.000 visite è....


Congratulazioni!!! Mandami una mail con il tuo indirizzo per la spedizione....

8.11.10

Le lanterne di S.Martino stampate: un'attività da fare con i bambini

Nel nord Europa il giorno di San Martino viene festeggiato l'11 novembre in particolar modo dai bambini, che una settimana prima cominciano a preparare le loro lanterne di carta per la processione. È infatti tradizione riunirsi il pomeriggio, quando inizia a fare buio, accendere la propria lanterna appesa all’estremità di un ramo e partecipare alla processione detta Laternenumzug, cantando canzoncine dedicate.
Spesso a capo della processione c’è proprio "San Martino" a cavallo, avvolto nel suo mantello e pronto a tagliarlo in due per spartirlo pietosamente con un mendicante. Esattamente come racconta la leggenda più famosa.
Però esiste anche un’altra leggenda sulla figura di San Martino, datata qualche anno più tardi, quando da soldato romano convertito al Cristianesimo aveva già preso i voti ed era noto alle genti per la sua carità. Si dice infatti che non volendo diventare vescovo per umiltà, nonostante l’ordine papale, scappò dal convento di notte e si rifugiò in un’aia piena di oche, mentre un gruppo di persone lo cercava disperatamente facendosi luce con delle lanterne. Le oche, come anche nella tradizione romana, fecero chiasso e indicarono esattamente il luogo dove trovarlo.
Come in tutte le celebrazioni religiose e in particolare cristiane, accade poi che anche il giorno di San Martino coincida con una ricorrenza pagana del passato. Agli inizi di Novembre, infatti, i contadini pagavano la decima ai Signori, spesso e volentieri con i prodotti della terra o del bestiame. Per eliminare quei capi di bestiame che sarebbero stati solo di peso durante l’inverno, succedeva che alla fine molte oche venissero offerte e a Novembre si mangiasse molta carne d’oca. Da qui ha origine l'usanza delle processioni dei bimbi con le lanterne.
Qui da noi in romagna non si usa festeggiare più di tanto, anche se mi viene in mente la festa di San Martino a Sant'Arcangelo di Romagna.

Comunque sia noi oggi pomeriggio ci siamo dedicati alla decorazione delle lanterne.

 Io e Anastasia abbiamo approfittato di un riposino di Ginevra per prenderci un po' di tempo per preparare questi barattoli di vetro su cui adagieremo i lumini.
Il lavoro è molto semplice, tanto che la mia bimba si è divertita molto a impiastricciarsi. Ne abbiamo fatta qualcuna più bella coi colori per vetro, poi fissati nel forno a 100 C per 50 minuti e altri coi colori acrilici, non cotti ovviamente.
Abbiamo preso delle foglie che avevamo precedentemente raccolto, le abbiame passate di colore con un pennello (colori autunnali abbiamo scelto)e abbiamo stampato sul vetro. Nel forno vanno passati una volta asciutti.

Tecnica del sospeso trasparente: un fiore gioiello

Il sospeso trasparente è una tecnica di decupage tridimensionale ideata da Monica Allegro. Ho imparato questa tecnica leggendo un suo libro.
I fiori tridimensionali sono davvero molto belli e si possono utilizzare per decorare un numero infinito di oggetti.
Io non ho fatto corsi purtroppo e mi piacerebbe molto frequentarne uno e questa è la mia primissima creazione(e si vede che è molto stortignattola!) però questa tecnica è veramente meravigliosa e l'effetto che si ottiene è simile a porcellana, molto elegante davvero. Spero di riuscire ad approfondire questa tecnica.

6.11.10

Guest Designer Scrapbookiando: prima sfida, un layout "lungo" una settimana


Questo è il Lo che ho creato per la sfida di Scrapbookiando.
Le indicazioni da seguire erano queste:


-inserire nella pagina una “arricciatura” fatta solo con la carta, niente stoffa o nastri, nessuna cucitura a macchina… si deve lavorare solo con la carta, forbici, scotch e/o colla

-inserire nella pagina almeno 5 bottoni

-inserire una Tag

-inserire un cerchio

-utilizzare un colore acrilico oppure uno scallop