Parole di latte torte di pannolini Home Chi sono Come lavoro E-Shop     Contatti

29.4.11

Un braccialetto con carta di giornale e farina per la Festa della mamma




Ecco un lavoretto semplice, ma che può dare molte soddisfazioni...per realizzare un bel regalino per la festa della mamma. Un braccialetto fatto con ritagli di giornale. Bisogna strappare tante striscioline di carta di quotidiano non molto larghe nè troppo lunghe. Poi preparate una colla naturale con farina e acqua (deve avere la consistenza dello yogurt). Con una bottiglia di plastica, forse è meglio di quelle piccole da mezzo litro, nella parte del collo iniziate a incollare con un pennello una sopra l'altra le striscioline, dovrete formare un bracciale attorno alla bottiglia, almeno 8 strati di giornale. Non preoccupatevi del fatto che rimarrà tutto incollato. Una volta asciutto il tutto sarà durissimo grazie  alla farina e si staccherà facilmente dalla bottiglia.









Una volta asciutto bene, impiegherà circa mezza giornata o anche di più, colorate fuori e dentro con tempera bianca, fate asciugare e poi sbizzaritevi coi vostri bambini a decorare il braccialetto rigido, con tempere, conchiglie, sassolini, pietre, perline, pasta.... chi più ne ha più ne metta... tutto quello che suggerisce la fantasia del vostro bimbo. La mia bimba ha dipinto il braccialetto con le tempere.

28.4.11

Giveaway Festa della mamma

Siccome sono arrivata a 100 lettori fissi e sono molto contenta, siccome sono felice perchè sono mamma e fra un po' è anche la mia festa voglio festeggiare insieme a voi amiche che mi leggete. Tra tutte coloro che commmenteranno questo post entro la mezzanotte di domenica 8 maggio nè scegliero' uno che mi avrà particolarmente colpito. Condizione necessaria per partecipare è condividere sul proprio blog (o su fb per chi non ce l'ha) questo post e solo se vi va e se non lo siete già diventare followers di questo blog. Io adoro questo libro e lo dedico a tutte le mamme del mondo, Agnes Browne mamma (I narratori delle tavole)
Buona fortuna e buona lettura!! E soprattutto buona festa della mamma!! Mi raccomando seguitemi perchè ci saranno presto tante attività e lavoretti per questa occasione.

22.4.11

Earth Day(s)



Oggi è il 22 aprile, il giorno della Terra. Ma come dice questo bellissimo articolo, "ogni giorno è il giorno della Terra".....quindi tutti i giorni dobbiamo impegnarci per rispettarla, difenderla e preservarla, intesa come natura, umanità, vita e così via. Ci sarebbe da scrivere libri interi ovviamente.

Noi abbiamo scelto di "festeggiare" questo giorno facendo un pic nic nel parco vicino casa. Io e le bimbe con focaccia e prosciutto,ricotta e succo di frutta. Tra le margherite, le api, le formichine e l'erba. Le mie bambine si sono divertite tanto a stare sedute per terra e a dare le loro bricioline alle formichine. Sono stata molto bene e lì con le mie cucciole in mezzo al profumo dei fiori, al ronzio degli insetti non ho avuto paura che si sporcassereo o si facessero male o mangiassero la terra o i sassolini, mi sono sentita parte di quel piccolo angolino di natura. Poi ho insegnato ad Anastasia che i rifiuti vanno sempre messi nel cestino una volta terminato il pic nic. Abbiamo filmato le formichinie operose che portavano il cibo nelle loro piccole tane e ci siamo riposati sull'erba all'ombra.


E questa è la mia creazione per oggi, 22 aprile 2011. Un body disegnato da me per Ginevra.

20.4.11

Riciclando creativamente: ancora lavoretti per Pasqua

Questi lavoretti non li ho prodotti io. Ma la mia bambina al nido. Le dade stavolta hanno superato loro stesse e hanno proposto delle idee magnifiche, secondo me. E naturalmente era ovvio che per me Anastasia  ha fatto un lavoretto bellissimo!!

Ok, detto questo eccovi le foto..parlano da sole. Tanti fiorellini di palline di carta crespa modellate con l'acqua (aihmè le manine dei bimbi tutte colorate!!!) per il pannello con l'albero di Primavera e per il bigliettino che ha l'aggiunta di bicchierini di plastica riciclati e tagliati a spicchi per realizzare la corolla dei fiori. Sono di una semplicità estrema e allo stesso tempo bellissimi per me. Adoro questa scuola, la adoro.

19.4.11

La collaborazione domestica secondo il Metodo Montessori

Siamo ammalati, ebbene sì pensavamo di averla scampata e invece Anastasia si è presa la scarlattina poi subito dopo la varicella, Ginevra la febbre alta e ora io la scarlattina, cosa ci aspetterà ancora? E’ dura a casa da sola con le bimbe malatine e nessuno che mi aiuta, ma mettiamola così meglio ora che sono ancora in maternità che quando torno a lavorare. Vabbè.
Fuori piove, non si può andare sul terrazzo, non si può fare l’orto insomma chiuse in casa. Stamattina Anastasia mi ha dato una bella idea per giocare.


Ha preso i suoi paper foods1 e mi ha chiesto: " Mamma apparecchiamo?" Ho preso subito la palla al balzo e abbiamo iniziato questo splendido gioco. Noi abbiamo i cassetti in cucina con le posate ( ad eccezione dei coltelli) ad altezza di Anastasia , questo perché ci ha dato da sempre la sicurezza di non usare le posate in maniera inadeguata e lei sa che può prendere le sue, quelle colorate di Ikea. Ha messo la tovaglia e poi a suo modo ha apparecchiato. E’ molto importante secondo il Metodo Montessori che tutti gli strumenti e gli utensili usati dal vostro bimbo sia a loro misura, adatti alla loro età e che non sia per il piccolo una costrizione ma un GIOCO, affinchè il piccolo sia invogliato a collaborare spesso con voi. Concedete il tempo a vostro figlio di commettere degli errori e correggete in modo paziente cercando di vedere il mondo dal suo punto di vista offrendogli un sostegno premuroso mentre gli insegnate.



Detto questo per aiutare il piccolo a imparare ad apparecchiare potete prendere delle tovagliette di cotone pesante, io l’ho cucita da un vecchio lenzuolo e disegnare col pennarello per stoffa o indelebile le sagome delle sue posate. Così il bambino dovrà soltanto posizionare le stoviglie e le linee guide gli insegneranno poi a memorizzare la posizione corretta.

Non contenta di questo splendida iniziativa che ha avuto nonostante la varicella :-( mi ha sorpresa dicendomi "Mamma i panni asciutti, li prendo io";.



Io stavo allattando Ginevra e le ho risposto che se voleva poteva fare lei prendendo i panni che riusciva, dato che alcuni erano fermati con le mollette e lo stendibiancheria è molto più alto di lei. Ha ritirato i panni e li ha messi su una sedia è stata bravissima!!! Sono molto orgogliosa della mia piccola testardona! E’ proprio una donnina.






[1] Il paper food è cibo di carta, ovvero noi lo realizziamo ritagliando dai volantini pubblicitari delle offerte, quelli che riempiono la cassetta della posta per intenderci le figurine degli alimenti, poi lo incolliamo su un foglio di cartoncino bianco e lo plastifichiamo per renderlo più resistente. L’idea originale viene dal di qui, da Doria di Un'idea nelle mani.



N.B Il post l'ho scritto qualche giorno fa, e ho avuto tempo di pubblicarlo solo ora. Ora stiamo meglio e fuori c'è il sole!!! EVVIVA LA PRIMAVERA, I FIORI, LA VITA, LE MIE SPLENDIDE BAMBINE, L'AMORE E.....ANCHE VOI CARE AMICHE CHE MI LEGGETE!!!


12.4.11

Decorazioni di Pasqua: una gallina porta ovetti fatta solo con carta e puntatrice



Questa gallinella può essere usata come decorazione pasquale, come centrotavola o più semplicemente come giocattolo per i vostri bimbi o come regalino per accompagnare gli ovetti di cioccolato. Io l'ho messa su un po' di rafia in modo da farla sembrare adagiata su un nido di paglia, si possono aggiungere piccole uova di cartapesta o di cioccolata. E' un'idea semplice venutami per caso mentre facevamo uno dei nostri collage di carta colorata. E inoltre lo possono realizzare anche i bambini più grandi.
Per realizzarla prendete diverse strisce di carta spessa gialla, bianca e arancione e una puntatrice e niente altro. Io ho usato una misura di 2 cm circa di spessore per la carta.




Per prima cosa realizzate il corpo con una striscia di circa 35 cm chiudendo ad anello.Poi realizzate la coda doppia con circa 20 cm di carta arancione.


Per l'ala formate una doppia goccia e inserite nell'anello in modo da formare un ovale.

L'occhietto realizzatelo con un pezzettino di bianco piegato a spirale e il becco piegato a triangolo con la carta arancione. Ecco è semplicissimo e molto carino, cosa vi sembra?

11.4.11

Lavoretti con i bimbi piccoli: un altro bigliettino per Pasqua con il patchwork




Mi è venuta questa idea perchè ho un sacco di pezzettini minuscoli di stoffe diverse avanzati. Allora ho pensato perchè non fare un bel collage patchwork per preparare un bigliettino pasquale? Ho cercato sul web un disegno che potesse andare bene per questo lavoretto, ma se siete brave lo potete fare voi o far fare ai bambini più grandi e poi con colla vinilica e pennello e tanti pezzettini di scampoli fate riempire ai vostri bimbi. L'importante è lasciare scegliere i colori a loro in modo che la composizione sia proprio realizzata da loro. Ovviamente a seconda dell'età staranno più o meno all'interno dei contorni. E' un lavoro molto carino che potete fare anche con le fettucce e i nastri colorati.  Io nella mucchia delle stoffe avevo messo un batuffolino di ovatta senza dire nulla e Anastasia l'ha usato proprio per il codino del coniglietto!!! Brava!

Bigliettino di Pasqua con collage




Ecco un bigliettino per Pasqua molto carino che potete fare con i vostri bimbi. Un disegno fatto da voi o dai bimbi più grandi e poi con tante striscioline di carta crespa o velina fate il prato. Anastasia adora la colla. Si vede eh..facciamo un sacco di collage.


4.4.11

Una Stagione: la Primavera



Trovo questo blog di Ester meraviglioso, lo leggo sempre. Condivido la sua filosofia di vita e adoro le sue foto. Oggi mi unisco al suo post e pubblico anch'io qualche foto di Primavera. Direi che Lei è proprio arrivata. E che non ci sono parole per descrivere l'infinità della sua bellezza.

1.4.11

Pesci d'aprile : lavoretti e attività

Ecco i nostri lavori per oggi che è il primo aprile!!!!

Un pesciolino di pasta di sale che ha modellato Anastasia. E' stata bravissima!!! La ricetta della pasta di sale la trovate qui.

E un puzzle che ho disegnato io per la mia bimba, dipinto con gli acquerelli e incollato su un cartoncino. L'ho ritagliato poi in tanti pezzi a formare un tangram.

E infine ho dipinto un sasso di fiume che avevo raccolto tempo fa.