Parole di latte torte di pannolini Home Chi sono Come lavoro E-Shop     Contatti

28.9.11

Attimi (d 'Autunno)




Raccogli le foglie
delicate 
come il tuo sorriso.
Non fragili.
Il tuo sorriso.
Frullare d’ali,
di una farfalla
che riempiono l’aria
di gioia.
Di vita.
Mervigliosa
vita, meraviglioso
il ritorno
dell'Autunno.

27.9.11

Autoproduzione : preparare i dadi in casa



Qualche giorno fa ho postato su facebook la foto dei miei dadi da cucina fatti in casa e in molte di voi mi avete chiesto la ricetta.
Io utilizzo spesso i dadi nelle mie ricette, danno sapore, consistenza al piatto e a volte aggiustano di sapore una pietanza che non è proprio venuta come ci aspettavamo.
Il dado compero però se è un concentrato di praticità  di sapore possiamo dire che non lo è proprio di salute!
Innanzitutto le etichette non sono ben chiare, perché non vige l’ob­bligo di indicare la percentuale de­gli ingredienti contenuti, né di spe­cificare quali parti dell’animale sia­no state utilizzate, poi spesso contengono coloranti come quello E150.
Inoltre il dado contiene il discussosissimo glutammato monosodico che è una polvere bianca ottenuta dall’acido glutammico, un amminoacido naturale estremamente diffuso sia nel regno vegetale che in quello animale: si trova infatti nelle alghe marine, nelle verdure e nella barbabietola da zucchero. Il glutammato, insieme ad altre sostanze, è responsabile del cosiddetto “quinto gusto” o umami, che insieme al dolce, salato, amaro e acido costituiscono i cinque sensi percepibili dall’uomo: infatti, sulla lingua esiste un recettore specifico per questa sostanza.
Bisogna prestare attenzione ed assumere questa sostanza con moderazione perché in alcuni soggetti, soprattutto in grandi quantità, può provocare mal di testa, capogiro e vampate di caldo
Insomma non sappiamo con precisione gli effetti a lungo termine di questa sostanza ma onde evitare qualsiasi problema io penso che i dadi è meglio autoprodurseli, tantevvero che è molto semplice e abbastanza veloce.
Dunque ancora meglio se utilizzate verdure abbastanza mature, rimanenze del frigorifero, perchè io sono per il risparmiare e non buttar niente.
Comunque per i miei dadi (anche se come ripeto a seconda della stagione e della disponibilità in casa gli ingerdienti possono variare) servono:

2 zucchine,
3 carote,
1 pomodoro
1 porro o una cipolla bianca
abbondante basilico fresco o in polvere
rosmarino
tutte le erbe e le spezie che desiderate (tranne prezzemolo che cotto è tossico)
120 gr di sale grosso

Dunque in una padella grande antiaderente metto tutte le verdure mondate e tagliate a pezzettoni con le erbe e le spezie. Copro con il sale grosso, 10 minuti a fuoco medio, poi copro con coperchio e abbasso il fuoco sino a che metà e più del sale non si è ridotto ad acqua e le verdure si sono ammorbidite.



Tolgo il coperchio mescolo e alzo il fuoco, cuocio altri 10 minuti. Poi frullo il tutto con il mixer fino a ridurre ad una pasta (salatissima ovviamente) e metto negli stampini in silicone per i cubetti di ghiaccio. E via nel freezer. Si conserveranno per 12 mesi circa. Non vi sembra facilissimo!!!???

26.9.11

Le regole per una nanna serena

Per quanto riguarda la nanna le mie bimbe la notte hanno più o meno sempre dormito. Non mi posso lamentare. Certo almeno una volta per notte, anche la più grande che ha 3 anni ancora si sveglia ma si riaddormentano abbastanza facilmente.

C’è da dire però che io non ho mai imposto loro regole ferree, nel senso che le ho sempre allattate anche la notte fino a che lo hanno richiesto (entrambe 12 mesi circa) e sono a favore (o meglio lo tollero per la pace e la quiete familiare) del co-sleeping. Se le bambine richiedono il contatto io non glielo nego e penso che prima o poi si accorgeranno da sole che si sta più comodi nel proprio lettino, comunque tra i 5 e i 10 anni quasi tutti i bambini imparano a dormire soli.

Non vivo il momento della nanna con ansia perché penso che ogni fase di crescita del bambino sia caratterizzato da momenti più o meno impegnativi e il mio compito di mamma è anche quello di comprendere e venire incontro a queste problematiche senza mettere dei paletti troppo rigidi, convinta che ogni cosa se stiamo vicino ai nostri figli appropriatamente si sistemerà per il meglio.

Ma quali sono le regole per un sonno il più sereno possibile?

Innanzitutto cercare di mantenere una routine, o comunque uno stesso orario. Ma è ovvio che se una sera vostro figlio non ha sonno alle 20.30 in punto obbligarlo a dormire è controproducente. Mia figlia Anastasia mi prende la mano e mi chiede di andare a nanna alla stessa ora ormai da un anno e mezzo perché il suo orologio biologico oramai è impostato così. Un po’ di coccole, una storia e il rimbocco delle coperte sono riti molto importanti che tranquillizzano il piccolo. A proposito di coperte, non so i vostri bimbi ma le mie non hanno mai voluto sentire parlare di coperte. Tanto che all’inizio era un’ossessione svegliarmi per coprirle continuamente.

Poi finalmente ho scoperto il sacco nanna. Il sacco nanna sostituisce la biancheria da letto che si sposta o che volontariamente spostano i vostri bimbi, l’unico inconveniente è che possono essere utilizzati prevalentemente fino all’anno di età perché limitano i movimenti e se è vero che vanno benissimo per i neonati che si sentono avvolti e protetti come nel grembo materno, per i bimbi più grandicelli dai 12 mesi in su non sempre sono l’ideale.
Secondo me la soluzione ideale è il sacco nanna Baby Boum , con le gambine divise che si trasforma in una tutona da utilizzare comodamente anche nel passeggino. Le maniche sono removibili, l’elastico regolabile in vita, le gambine divisibili, la lunghezza regolabile, infatti può andare bene dai 12 ai 36 mesi, ma in realtà veste fino a 110 cm (altezza media di un bambino di 5 anni), il che è un bel risparmio. Inoltre questo sacco nanna assicura una temperatura interna di 16°-20°, direi l’ideale considerando che la temperatura ottimale per una nanna serena è di 18°.


Lo potete trovare nello shop ecologico di Mamma Angelina ed è disponibile in diversi colori.



Articolo sponsorizzato

25.9.11

Riciclo creativo: matite...come nuove





Tornare a scuola con le matite e le penne degli anni precedenti non è sempre bello per i nostri bambini che invece vogliono partire alla grande con tutto il materiale nuovo di zecca, zaini, astucci, diari pennarelli. Insomma ogni anno se ne va una fortuna oltre che in libri, anche in prodotti di cartoleria.
 Allora perchè non recuperare almeno le vecchie matite e i pastelli  dandogli un aspetto nuovo e personale.
E' semplicissimo, un po' di nastrini colorati, un goccio di colla e via...la matita ha un nuovo abito!




E poi se vogliamo esagerare prepariamo un po' di coprimatite in feltro. Un po' di fantasia e se non abbiamo voglia di cucire basta la colla, qualche particolare ed ecco che creremo un astuccio super colorato e creativo per i nostri bambini. E poi è bene che imparino sin da subito cosa significa recuperare, risparmiare e riciclare. Senza contare quanto è bello creare INSIEME. Inoltre questi lavoretti sono super veloci  e gratificanti, provare per credere.

Con queste creazioni partecipo al Contest di Mamma Felice.


back to school contest banner



23.9.11

La vincitrice e'...

Non c'e nulla da festeggiare, come ben sapete, ma le manine delle mie adorate cucciole hanno estratto una di voi a cui mandero' un pacco con materiale creativo, come promesso. La vincitrice e' Renata del blog Rosa e io. Grazie a tutti coloro che mi sono stati vicino e continuano a farlo. Grazie davvero.

14.9.11

Lettera a un bambino mai nato

Non mi sento triste, non mi sento delusa, non mi sento addolorata.. Mi sento sconfitta. E' cosi mi sento sconfitta. Non so da cosa ma e' cosi. Non mi posso piangere addosso non ne ho il tempo. Devo fare un sacco di cose. Ginevra l' avevo ritirata dal nido pensando di non dover tornare al lavoro e ora? Ora fregata non c' e' più posto. E come faccio? Oggi ne ho trovato uno dove ancora posso far domanda. Ci sono 4 posti. E poi? Al lavoro orari assurdi, turni strani e come faro'? E non ho molto tempo per organizzare tutto. Mi scoppia la testa stasera.Domani ho il raschiamento e ho paura. Paura di essere svuotata di cio' che e' mio, di cio' che gia' amavo, e dove lo mettono? Non ci voglio pensare. Svuotata del dolore, del' amore, svuotata della vita. Ci sono attimi che penso... Non e' cosi si sono sbagliati non e' il mio bimbo che non vive piu' senti senti e' qui nel mio grembo e' ancora qui... Non puo' essere vero. E invece e' vero. E la vita continua, anche senza di te... Piccolo fiorellino con le manine e piedini piccolo bimbo mio... Perche' non sei stato forte? Perche'?! Dovevi essere forte amore mio... Tu non ci sarai piu' domani... La vita va avanti la vita non muore e' cosi' e' la legge della natura piccolo grandissimo amore mio. Addio

13.9.11

Il gufo zainetto per l'asilo: progetto e cartamodello.






Su Pinterest, qualche tempo fa, avevo salvato sulla mia bacheca un bellissimo porta merenda a forma di gufetto di Lemon Squeezy, ritrovato poi qualche giorno fa su Mamma Felice. Qui trovate il tutorial in inglese.
Siccome mi occorreva una borsina per la scuola materna per Anastasia,  ho preso ispirazione e ho progettato e cucito uno zainetto-gufo per la mia signorina.


Ho preparato un cartamodello a mano. Le sagome sono da ridisegnare e proporzionare a seconda della misura che desiderate.


Direi che è molto semplice da realizzare anche per chi come me sa cucire ben poco.
Occorrente:

un pezzo di tessuto fantasia resistente
un pezzo di pannolenci in tinta con il tessuto (più o meno il doppio del tessuto)
scampolini di pannolenci per le decorazioni
velcro
una fettuccia di gros grain in tinta per le bretelline dello zainetto


Disegnate sul tessuto la figura 1 del cartamodello. Ritagliate. Disegnate sul pannolenci le figure 2 e 3 e ritagliate.Cucite insieme il lato dritto della figura 2 e 3 in modo da formare una il prolungamento dell'altra. Tagliate il nastro a metà e cucite in mezzo al pannolenci a mo' di bretelle.
Fate un orlino al lato diritto della figura in tessuto e cucite dritto contro dritto il tessuto con il pannolenci lasciando aperto dove c'è la cucitura appena fatta (per unire i due pezzi di pannolenci).
Ecco lo zaino cucito. Non vi rimane che dare le sembianze al gufetto.
Disegnate le figure sul pannolenci come da cartamodello e cucite con un punto filza. Se volete, a piacere, alcuni dettagli si possono anche incollare con una colla per tessuto ma senza solventi.
Infine applicate il velcro per la chiusura dello zainetto. Oplà e il gioco è fatto!!!




Con questa creazione partecipo al Back to school contest di Mamma Felice .

11.9.11

Sono tornata...con un blog candy per tutte voi!!



Sono tornata!!! Dopo molte settimane di vacanza, di riposo, di relax, ma NON di dolce far niente...perchè con due bimbe piccole non è proprio possibile e poi perchè non è comunque nella mia natura, eccomi qua tornata a scrivere nel mio amato blog, a voi adorate amiche. Come avete trascorso quest'estate? Siete state da qualche parte? Siete riuscite a creare? E a passare tanto tempo coi vostri bimbi?

Noi abbiamo alcune novità, una tra queste è che....aspetto un altro bimbo!!!! Dopo l'incredulità iniziale e un po' di spavento perchè Ginevra ha soltanto un anno... direi che siamo comunque molto felici. Prossima settimana sapremo il sesso del bimbo...vi va di pronosticare???
Un'altra novità è che collaboro con Patrizia di Mamma Angelina, il negozio ecologico on line dove si può trovare abbigliamento in cotone biologico, pannolini lavabili di tante marche e modelli, porta bimbi di diverso genere (fasce, mei.tai), sacchi nanna in differenti tessuti, idee regalo e tanta altro ancora. Sono molto felice di questa collaborazione!!!

Se vi va vi invito a partecipare a questo blog candy. In  palio ancora non so cosa ci sarà ancora, ma sicuramente preparerò un bel pacchetto con varie cose, una mia creazione, materiale per la vostra creatività, forse un libro, vedremo. E le vincitrici saranno 2 (se sarete almeno 20).

Per partecipare lasciate un commento a questo post fino alla prox domenica (ore 23.30 del 18 settembre), fate un vostro pronostico del sesso che pensate apparterrà al mio terzo bimbo e diffondete la notizia del blog candy sul vostro blog. SOLO SE NON AVETE UN BLOG  potete condividere su facebook o altro social network, lascando il link nel commento. Nei giorni successivi saranno estratte due vincitrici.

Allora siete pronte???!!! VIA..VI ASPETTO NUMEROSISSIME!!!

4.9.11

La vincitrice del Giveaway di Mamma Angelina...

Finalmente sono tornata dopo tanti giorni di latitanza, riposo e vacanze con la mia famiglia... Non sono ancora operativa...ma nei prossimi giorni tornerò con tante sorprese e novità..Seguitemi perchè ci sarà presto un altro Giveaway.. intanto vi annuncio che le manine della mia bimba hanno estratto la vincitrice per il kit da bagno di Mamma Angelina.. che è




Congratulazioni!! Inviami al più presto il tuo indirizzo a valentina.cortesi@hotmail.it a cui spedire il kit n.2